martedì 21 marzo 2017

Doppia mini recensione + Segnalazione


Titolo: L'uomo nel quadro
Autore: Susan Hill
Titolo originale:
Editore: Polillo
Pagine:
Consigliato:
http://amzn.to/2o0S7uq

Trama:

In una fredda giornata di gennaio, Oliver si reca a Cambridge a trovare un suo vecchio professore, Theo Parmitter. Dopo cena, mentre sono seduti accanto al fuoco nello studio del professore, questi decide di raccontare al suo ospite una strana storia che lo tormenta da tempo e che riguarda un dipinto appeso alla parte di quella stanza. Si tratta di un notturno veneziano del Settecento che ritrae una folla di persone sulla riva del Canal Grande durante il carnevale. Quando il vecchio Parmitter se l’era aggiudicato a un’asta, uno sconosciuto, giunto troppo tardi, aveva tentato in tutti i modi di ricomprarlo da lui e, davanti al suo netto rifiuto, gli aveva rivolto oscure minacce. Osservando la tela, Oliver percepisce il fascino sinistro che emana e nota soprattutto una figura maschile in piedi su una gondola. L’uomo, a volto scoperto, è fra due individui completamente mascherati e pare rivolgersi in maniera implorante a chi guarda il quadro. In un certo senso il dipinto è vivo e, come si scoprirà, ha poteri formidabili e nefasti...

 Recensione:


Secondo libro che leggo della Hill dopo The woman in black, che considero ancora uno dei più bei libri horror-gotici che abbia mai letto.
L’uomo nel quadro ci presenta un professore a Cambridge, Theo, che una sera racconta a Oliver, un suo ex studente, la storia del dipinto veneziano che è appeso nel suo appartamento.
Una storia che lo vede protagonista assieme alla precedente proprietaria, una contessa che dispera di poterlo riavere.
Un quadro maledetto che porta morte e sofferenza a chi ne entra in possesso.
Forse non è una delle trame più originali che ci siano, ma è ben raccontata, e quando si viene piano piano a scoprire la storia dietro a questo dipinto, si vuole sapere sempre di più sul suo conto e sulle persone coinvolte.
Non posso dire che come libro sia all’altezza di The woman in black. Manca l’atmosfera orrorifica, manca quella tensione che ti fa trattenere il fiato fino alla pagina successiva, tuttavia non è così male.
Lo consiglio anche a quelle persone che non vanno matte per l'orrore, perchè non è per niente eccessivo o troppo spaventoso.

Voto:




Titolo: Vietato leggere all'inferno
Autore: Roberto Gerilli
Editore: Speechless books
Pagine: 338
Consigliato:

Trama:

Mi chiamo Amleto Orciani e sono un libromane. Ho trentacinque anni e mi faccio dall’età di dodici, quando la lettura era ancora legale. Ho iniziato per scherzo con L’isola del tesoro e non ho più smesso. Leggere è la prima cosa a cui penso quando mi sveglio e l’ultima prima di andare a dormire. Sono talmente assuefatto da conoscere il significato di parole come paradosso, pennivendolo e opulenza. Insomma, uno sniffa-inchiostro senza speranza. Vivo vicino ad Ancona, lavoro come inserviente in un discount di bricolage e arrotondo spacciando romanzi alla gente della zona. La mia vita non è un granché, ma mi ci trovo. Il problema è che vorrei avere più soldi, per questo accetto di aiutare Eleonora. La ragazza è brava, ma così folle da voler cambiare il mondo dell’editoria da sola. Per seguirla mi tocca coinvolgere amici discutibili e incontrare gente che preferirebbe vedermi morto (il Bibliotecario ti dice niente?). Meno male che ho dalla mia Caterina, una camgirl con un secondo lavoro ancora meno presentabile del primo, però non sono sicuro mi possa salvare il culo, stavolta. Se ne esco vivo, giuro che smetto di leggere. Forse. Vietato leggere all’inferno racconta la mia storia. Non insegna qualcosa che vale la pena conoscere, non ci sono buoni sentimenti o altre cazzate ma per sballarsi con gli amici è perfetto. Provalo, e fammi sapere se funziona. 

Recensione:

Dalla copertina, di cui adoro i colori, mi aspettavo più un giallo thriller, ma qui siamo di fronte più che altro ad un distopico.
Nel mondo in cui vive Amleto infatti (nome fantastico!) leggere è vietato. Quindi chi ne è appassionato lo fa di nascosto, illegalmente.
La storia quindi, almeno per quanto mi riguarda, è originale, ben strutturata e ben delineata.
Lo stile è tagliente, pulito e semplice. Mi è piaciuta l'ironia che si riesce già a percepire anche solo leggendo la trama.
Mi sono piaciuti moltissimo tutti i brani e le citazioni dei libri, con conseguente richiamo a fine capitolo. L'ho davvero adorato, leggevo una citazione (le riconoscerete, sono scritte in corsivo) e cercavo di indovinare da quale libro fosse tratta, e se magari l'avevo letto pure io. Per la maggior parte delle volte ho indovinato!
Tuttavia non sono riuscita ad appassionarmi e affezionarmi ad i personaggi, nemmeno il protagonista, Amleto.
Caterina, nonostante la sua spigliatezza e qualche volta volgarità è quella che alla fine mi è piaciuta di più, mentre invece Eleonora... avrei voluto solo che stesse zitta. L'ho trovata insopportabile.
Ottimo cambio di ambientazione anche quando la storia si sposta dall'italia a Londra. Belle descrizioni e trama che non lascia un attimo di respiro.
Promosso quindi, anche se non con il massimo dei voti!

Voto:

E con questa segnalazione, vi annuncio la collaborazione del blog con Saper Scrivere! Grazie mille per questa opportunità!

Titolo: Fore morra
Autore: Diego Di Dio
Editore: Fanucci (Timecrime)
Data di uscita: 2 febbraio 2017
Pagine: 320; prezzo: 4,99 (ebook); 12,90 (cartaceo)
ISBN-10: 8866883158; ISBN-13: 978-8866883159

Alisa e Buba sono due sicari. Entrambi sono professionali, spietati, ben noti nell’ambiente. Lavorano insieme, ma non potrebbero essere più diversi. Buba è un uomo possente, maniacale, una perfetta macchina di morte dal passato ambiguo e oscuro. Alisa è una sopravvissuta. Si porta dietro il fardello di un’infanzia trascorsa tra violenze e angherie, tra abusi e povertà: è cresciuta ai margini di una società feroce e impietosa. Quando viene commissionato loro l’omicidio di un piccolo camorrista, scoprono che si tratta di una trappola architettata da un uomo potente e determinato, chiamato “il boss”, e di cui si sa una cosa sola: il suo obiettivo è catturare Alisa, catturarla viva. Andando a ritroso nella memoria, esplorando i tormenti e le violenze subite nella sua vita, Alisa dovrà capire chi si nasconde dietro la grande macchinazione congegnata ai suoi danni. Lei e Buba dovranno addentrarsi tra i quartieri di Napoli e negli antri bui della mente umana, per scoprire quanto profondo e devastante possa essere l’odio di un uomo tradito.

Fore morra: fuori dalla camorra. Come proiettili impazziti, con tutti e con nessuno.
“Diego Di Dio ha talento. Scrive frasi taglienti come proiettili sparati ad altezza uomo. Il ritmo è cinematografico. Narra storie di vendetta e di denuncia sociale.”
 Barbara Baraldi

“Realistico e tormentato come Gomorra, esagerato e violento come Kill Bill.”
(Cristiana Astori)

6 commenti:

  1. Entrambe le letture sembrano interessanti, anche se della Hill devo ancora recuperare La donna in nero che ho in wish list da anni ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La donna in nero merita davvero tantissimo!

      Elimina
  2. Gli ultimi due li conoscevo, quello della Hill no, ma credo che lo recupererò: avendo visto il film The Woman in black, la voglia di leggere il libro mi è passata, ma potrei comunque darle una occasione con quest0altro titolo.
    Quello di Roberto Gerilli era interessante, soprattutto per l'ambientazione e le tematiche. Da leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti era piaciuto il film di The woman in black?
      Questo comunque fa meno paura^_^

      Elimina
  3. I due libri che hai recensito mi ispirano molto! Soprattutto quello della Hill, quindi inizio a segnarmelo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Hill è brava a creare la giusta atmosfera, secondo me.

      Elimina